Italiani popolo di ingordi e mediocri contro responsabili ed eccellenti

Chi ha detto “Italiani popolo di santi, poeti e navigatori”?

Qui oggi di santi se ne vedono proprio pochi, poeti ancor meno, navigatori (intesi per mare) due o tre.

Ciò che si vede è una nauseante schiera di ingordi e mediocri, riprendendo gli azzeccatissimi aggettivi dall’editoriale di Gian Antonio Stella.

Gente che, come un cancro, affonda le luride mani nella Cosa Pubblica e se ne nutre ingrassando a dismisura, si espande, si radica in metastasi e non si sconfigge con niente.

Continua a leggere

Facebook Exchange: il remarketing secondo Zuckerberg

Dopo una fase beta di circa 3 mesi, debutta Facebook Exchange, la nuova piattaforma pubblicitaria del social network il cui andamento in borsa non sta certo rispettando le aspettative.

Con Facebook Exchange gli inserzionisti possono acquistare banner mirati sulle abitudini degli utenti. Hai visitato uno store online e sbirciato le offerte sugli elettrodomestici?

Continua a leggere

La Bat Finanza

Ritorno sul tema sollevato dal post di Mario in merito alle esternazioni della Merkel sulla finanza “non al servizio del popolo”, osservando che questi temi sono talmente al centro dell’attenzione mass mediale internazionale da trovare già un riflesso nella cultura popolare: chi in questi giorni fosse stato al cinema a vedere una grande produzione hollywodiana come Il cavaliere oscuro – Il ritorno, terzo capitolo della saga di Christopher Nolan sul supereroe vestito da pipistrello, avrà notato che una delle prime bravate del cattivo di turno si svolge proprio dentro la Borsa di Gotham/New York.

Continua a leggere

Nuovo look per le pagine aziendali di LinkedIn

Mike Grishaver scrive sul blog di LinkedIn che sta per essere rilasciata una nuova versione di pagine per aziende. Per ora la stanno utilizzando imprese come  Philips, Citi, HP Dell.

Un cambiamento importante per il social network che gode la fama di più efficace nella generazione di lead.

 

Continua a leggere

I brand storici su Facebook (e non solo)

Il sito ninjamarketing ha pubblicato un interessante articolo su come alcuni storici brand utilizzano i social network, in particolare Facebook.

Nel DNA di queste marche e di questi prodotti c’è la capacità di appassionare intere generazioni e, se vogliamo, di continuare ad essere altamente virali stimolando l’affetto e il passaparola”, scrive Alberto Maestri nell’articolo. Con i social network queste aziende migliorano la propria visibilità, ascoltano e parlano con i clienti. Ma soprattutto creano opportunità di business, aggiungo io.

Tra Campari, Cedrata Tassoni e altri storici brand, è citata anche Fabbri, che da oltre due anni ha affidato a Imageware la comunicazione digitale e che salutiamo insieme agli oltre 10.500 fan che la (e ci) seguono.